.

.

giovedì 11 dicembre 2014

Lo stracchino della duchessa

Ingredienti per 6 persone: 250 g di savoiardi 6 tazzine di caffè 2 cucchiai di liquore al caffè, o all’anice (facoltativo) Ingredienti per le creme: 250 g di mascarpone 80 g di zucchero 30 g di gocce di cioccolato fondente 30 g di mandorle pelate e tritate grossolanamente 20 g di cacao amaro 2 uova 1 bustina di vanillina Sale Ingredienti per la guarnizione: Cacao amaro Mandorle a lamelle Preparazione Versate il caffè in una ciotola, unitevi il liquore e lasciatelo intiepidire. Separate, in due ciotole capienti, i tuorli dagli albumi, e, con l’aiuto di uno sbattitore elettrico, montate a neve questi ultimi, aggiungendo un pizzico di sale. Terminata questa operazione, continuando ad utilizzare la frusta elettrica, unite lo zucchero ai rossi, fino ad ottenere una crema soffice e spumosa. Fatto questo, incorporate al composto anche il mascarpone ed infine le chiare d’uovo. Nel compiere quest’ultima operazione, dovrete mischiare dal basso verso l’alto, per fare in modo che i bianchi non si smontino, ma continuino ad incorporare aria. Lavorate bene il tutto, fino ad ottenere una crema liscia e omogenea. Dividete il composto in due ciotole. In una incorporate il cacao e le mandorle, mentre nell’altra unite le gocce di cioccolato. Prendete uno stampo da plum cake, che misuri 11x27 cm. Foderatene l’interno con della pellicola trasparente. Ricopritene il fondo e le pareti con i savoiardi, imbevuti leggermente di caffè. Se dovessero risultare troppo alti rispetto ai bordi dello stampo, livellateli, tagliando i pezzi in eccedenza. Versate sui biscotti la crema scura e livellatela. Quindi create un secondo strato con la crema chiara. Ricoprite quest’ultima con altri savoiardi, leggermente imbevuti. Ponete il dolce nel congelatore per almeno 3 ore. Trascorso il tempo indicato, estraetelo, rivoltatelo su un piatto da portata ed eliminate la pellicola trasparente. Guarnitelo con una generosa spolverata di cacao e delle mandorle a lamelle. Voilà, lo stracchino della duchessa è pronto! Servitelo a fette. Qualora fosse troppo duro da tagliare, lasciatelo a temperatura ambiente, fino a quando si sarà ammorbidito. In ogni caso tenete presente che dovrà essere ben freddo, in modo da creare delle porzioni regolari. Fatemi sapere se l’avete fatto e che risultato avete ottenuto…

Nessun commento:

Posta un commento