.

.

mercoledì 30 luglio 2014

Mousse ai tre cioccolati

INGREDIENTI per 4 persone Mousse cioccolato bianco 400 g di panna intera 350 g di cioccolato bianco 15 g di colla di pesce Mousse cioccolato al latte 420 g di panna intera 280 g di cioccolato al latte 15 g di colla di pesce Mousse cioccolato fondente 650 g di panna intera 430 g di cioccolato fondente 15 g di colla di pesce Per la guarnizione 300 g di cioccolato fondente PREPARAZIONE 8 ore per la preparazione Preparate le tre mousse, una alla volta. Mousse di cioccolato bianco Mettete la colla di pesce a mollo nell’acqua calda per qualche minuto, quindi aggiungetela al cioccolato che dovrà essere ad una temperatura di 40-45° C. Nel frattempo mettete sul fuoco 200 gr. panna e, appena arrivata ad ebollizione, toglietela dal fuoco e aggiungetevi il composto di cioccolato e colla di pesce che avrete mantenuto a temperatura costante. Con la frusta, lavorate i restanti 200 gr. di panna in modo che si monti a metà, quindi aggiungete il composto di cioccolato precedentemente preparato che dovrà essere ad una temperatura di 27°C in modo che la panna non si smonti. Ponete la mousse in uno stampo e fatela raffreddare in frigorifero per un’ora e mezza e nel frattempo preparate la mousse successiva. Mousse di cioccolato al latte Mettete la colla di pesce a mollo nell’acqua calda per qualche minuto, quindi aggiungetela al cioccolato che dovrà essere ad una temperatura di 40-45° C. Nel frattempo mettete sul fuoco 220 gr. panna e, appena arrivata ad ebollizione, toglietela dal fuoco e aggiungetevi il composto di cioccolato e colla di pesce che avrete mantenuto a temperatura costante. Con la frusta, lavorate i restanti 200 gr. di panna in modo che si monti a metà, quindi aggiungete il composto di cioccolato precedentemente preparato che dovrà essere ad una temperatura di 27°C in modo che la panna non si smonti. Una volta preparata la mousse, versatela nello stampo sopra la mousse precedentemente preparata e riponete il tutto nuovamente in frigo per 90 minuti in modo che anche la seconda mousse prenda consistenza. Nell’attesa preparate l’ultima mousse. Mousse di cioccolato fondente Mettete la colla di pesce a mollo nell’acqua calda per qualche minuto, quindi aggiungetela al cioccolato che dovrà essere ad una temperatura di 40-45° C. Nel frattempo mettete sul fuoco 350 gr. panna e, appena arrivata ad ebollizione, toglietela dal fuoco e aggiungetevi il composto di cioccolato e colla di pesce che avrete mantenuto a temperatura costante. Con la frusta, lavorate i restanti 300 gr. di panna in modo che si monti a metà, quindi aggiungete il composto di cioccolato precedentemente preparato che dovrà essere ad una temperatura di 27°C in modo che la panna non si smonti. Una volta pronta, versate la mousse nello stampo dove avete già fatto rapprendere le altre due, in modo che si formi un’unica mousse a tre strati. Quindi lasciate in frigo per almeno tre ore, in modo che la vostra mousse prenda la giusta consistenza. Prima di servirla, fondete a bagnomaria 300 gr. di cioccolato fondente e versatelo sulla torta appena avrà raggiunto la temperatura di 25°C. Guarnite la vostra mousse a piacere e servite. STORIE NEL PIATTO La pianta del cacao è di origine sudamericana e il suo nome scientifico “theobroma cacao”, attribuitogli nel 1735 dal naturalista Linneo, in greco vuol dire “cibo degli dei”. Per quanto questa definizione possa sembrare eccessiva, si rifà però ad un’antica leggenda azteca secondo cui la pianta del cacao sarebbe stata donata agli uomini dalla potente divinità di Quetzalcòatl. Non stupisce quindi che quando arrivarono nelle Americhe, gli spagnoli scoprirono che le popolazioni indigene non solo consideravano quella del cacao una bevanda sacra degna soltanto dei nobili e dei sacerdoti, ma che ritenevano le fave di cacao talmente preziose da utilizzarle come se fossero delle monete. I semi migliori per qualità e dimensione, infatti, erano considerati molto pregiati, al punto che, secondo le testimonianze di alcuni dei primi esploratori europei, bastavano 10 semi di cacao per comprare un coniglio. In Europa, invece, il cacao venne introdotto dallo spagnolo Cortés, ma inizialmente la bevanda, che preparata come facevano gli aztechi aveva un sapore amarognolo, non riscosse particolare successo. Fu infatti solo intorno al XVII secolo che, addolcita con zucchero e vaniglia, la cioccolata iniziò a diffondersi prima in Spagna e poi nel resto del continente europeo, diventando una bevanda particolarmente alla moda. fonte http://www.academiabarilla.it/

Nessun commento:

Posta un commento