.

.

lunedì 22 aprile 2013

Torta di ricotta allo zenzero

Preparazione 300 g di ricotta 250 g di cioccolato fondente 125 g di cioccolato bianco 4 uova 2 albumi 150 g di zucchero 50 g di zenzero candito 60 g di burro un pizzico di sale riccioli di cioccolato fondente e zenzero candito per guarnire 1 Mettete la ricotta in una ciotola e lavoratela a crema insieme allo zucchero, montandola con una frusta elettrica. Unite lo zenzero candito tagliato a cubetti e incorporateli delicatamente con un cucchiaio di legno. Mettete 2 terzi di crema in una ciotola e il terzo rimanente in un'altra. 2 Tagliate il cioccolato bianco a pezzetti e lasciatelo sciogliere a bagnomaria. Toglietelo dal fuoco quando e completamente fuso, incorporate 20 g di burro a pezzetti e mescolate con un cucchiaio di legno fino a quando il composto diventa tiepido, lucido e omogeneo. 3 Spezzettate il cioccolato fondente allo stesso modo, scioglietelo come avete fatto per quello bianco, aggiungete il resto del burro e, quando il composto sara diventato tiepido, incorporate 4 tuorli (tenendo da parte gli albumi) uno alla volta, sempre mescolando con un cucchiaio di legno. 4 Montate a neve gli albumi con un pizzico di sale, 4 in una ciotola e 2 in un'altra. Incorporate alla quantita maggiore di ricotta prima il mix di cioccolato fondente e poi unite i 4 albumi montati; aggiungete al resto della crema di ricotta il mix di cioccolato bianco e i 2 albumi montati. 5 Foderate una teglia con un foglio di carta da forno bagnata e strizzata, versate meta del composto di cioccolato fondente e livellate in superficie; unite il composto di cioccolato bianco e poi quello fondente rimanente. Coprite con un foglio di alluminio e fate raffreddare in frigo per 4-5 ore. 6 Sformate la torta e cospargete interamente la superficie con riccioli di cioccolato, disponendoli in modo armonioso. Trasferitela su un piatto di portata, eliminate il foglio di carta da forno e servite. Se vi piace, potete decorarla anche con fettine di zenzero candito.
fonte donna moderna


Nessun commento:

Posta un commento