.

.

martedì 13 novembre 2012

i ricciarelli

...  1/2 kg. di mandorle private anche della pellicina scura  5 mandorle amare  400 g. di zucchero semolato  3 bianchi d’uovo  1 limone da agricoltura biologica  1 pizzicone di cannella in polvere  il contenuto di una bacca di vaniglia, oppure una bustina di vanillina  zucchero a velo q.b. Preparazione Tritate finemente le mandorle usando un robot da cucina mettendoci assieme una parte dello zucchero (aiuta a ridurle in polvere e assorbe gli oli essenziali perduri dalle mandorle durante il processo).
Versate la polvere in una ciotola, unite lo zucchero rimanente, gli albumi leggermente sbattuti, la buccia grattugiata del limone, la cannella e la vaniglia o la vanillina. Lavorate il tutto per ottenere una pasta omogenea. Stendete la pasta direttamente sulla carta forno fino allo spessore di circa 1 cm., usando un po’ di zucchero a velo per aiutarvi. Tagliateli a rombi. Lasciate asciugare i ricciarelli per una notte in un ambiente fresco (per esempio una stanza non riscaldata). Cuoceteli nel forno caldo a 200 gradi per circa 25 minuti. Lasciateli raffreddare completamente e spolverateli di zucchero a velo. I ricciarelli si conservano in contenitori a chiusura ermetica.


Nessun commento:

Posta un commento